L’essenza del viaggio è il cammino: sentire sotto i piedi una terra straniera, guardarsi intorno senza riconoscere ciò che ci circonda e non sapere dove ci porteranno i nostri passi.

Forse proprio da questa idea nascono i Free Walking Tour, ovvero tour gratuiti guidati a piedi per le città europee. Lì ho scoperti e provati in Polonia, prima a Cracovia e poi a Varsavia, rimanendo piacevolmente soddisfatta in entrambi i casi. Le guide sono ragazzi universitari che hanno seguito lunghi corsi di formazione, studiando l’arte, la storia e la cultura della città che dovranno raccontare. E sono preparatissimi!
Nei tour che ho fatto io (quello della città vecchia a Cracovia e quello sulla storia ebraica a Varsavia) le guide sapevano rispondere ad ogni domanda, e raccontavano in modo semplice e appassionato, ma anche simpatico, la storia della città. Ragazzi disponibili e alla mano, che hanno saputo farmi innamorare di ciò che facevano ma scoprire curiosità sulle città e i loro angoli nascosti.

DSC_9135

I tour sono solo in inglese e spagnolo, così ci si ritrova ad avere, almeno per un pomeriggio, compagni di viaggio da ogni parte del mondo. A Varsavia eravamo in compagnia di americani, cinesi, indiani, belgi, olandesi e… polacchi! Anche loro venivano ad ascoltare con piacere la storia della loro città.

Come funzionano i Free Walking Tour?

Ci sono dei punti di ritrovo (che potete leggere sul sito web) questo è quello polacco, ma ogni Stato ha il suo) e si parte tutti insieme seguendo un percorso determinato dall’argomento o la zona che si è scelta: storia, storia ebraica, food, mistero… A fine tour, che di solito vanno dalle 2 alle 5 ore, se si è soddisfatti si lascia una mancia alla guida.
Se vi stancate o annoiate, potete anche prendere e andarvene senza problemi. Comodo, semplice, educativo e simpatico.

In Polonia l’avventura del Free Walking Tour è iniziata nel 2007 grazie a Paweł Mrozowicz, uno studente al terzo anno di università appassionato di storia, che appena finì il suo corso da guida turistica andò a cercare lavoro. Fu rifiutato da tutti con la scusa che a nessuno serviva una guida. Così Pawel decise di fare tutto da solo: in fondo cosa aveva da perdere?
All’inizio faceva davvero tutto da solo: aspettava in una piazza del centro con il suo cartello bianco scritto a penna che qualche turista lo notasse, e partiva con le sue passeggiate guidate. Dopo qualche mese un amico gli suggerì di creare un cartello che fosse più visibile, e Pawel seguì il consiglio e dopo poco tempo la voce si iniziò a spargere tra i turisti, e Pawel dovette cercare un aiuto: arrivò Gosia, laureata in Storia Ebraica. Si conobbero entrambi all’esame da guida turistica e all’inizio Gosia non era troppo convinta che una cosa simile potesse funzionare… ma cinque anni dopo, insieme crearono la Fondazione Free Walking Tour.

Ed ora esistono anche in Italia (in alcune delle città principali) ed offrono tanti tour insoliti e speciali, in un clima amichevole.
Non vedo l’ora di provarne uno!