Almeno metà di questo lavoro consiste nel fotografare. Anzi, per me è al pari della scrittura. Le immagini devono essere belle quanto le parole.
Purtroppo per mancanza di tempo non mi esercito nella fotografia quanto vorrei, ma cerco di fare il mio meglio con quel poco che ho e che so.
Ho incontrato la Nikon da piccola, con le digitali compatte, e da allora non l’ho più lasciata. Dalle compatte sono passata alla prosumer (una via di mezzo tra compatta e reflex) per poi provare la reflex, da quella base a quella di ora, la Nikon D7100.
A questo punto la domanda di solito è: perchè Nikon e non Canon? Qual è la differenza tra le due?
Questa domanda è inutile, ve lo dico. Sono entrambe ottime marche, la qualità dipende ovviamente dal modello (ricordate sempre che, per quanto possa scocciare, se un modello costa 100 euro e uno 1000 un motivo c’è). La scelta dipende da voi: cosa vi piace, come vi piace, con quale vi trovate meglio. Imparate cosa fa una Reflex e come lo fa, tenete in mano una reflex di entrambe le marche, leggete le caratteristiche e poi decidete.
Ci sono differenze di colore, rumore, praticità… ma nessuno può dire davvero che una sia meglio dell’altra.
Nei nuovi articoli sulla fotografia vi spiegherò anche molti tecnicismi che vi aiuteranno a capire le differenze reali tra le due e a scegliere quella che si adatta meglio al vostro modo di fare fotografia… perchè alla fine si tratta solo di questo!

DSC_7818

Detto questo, come ho già premesso io sono innamorata di Nikon da sempre e non la cambierei mai.
Tutte le foto che vedete sul blog o sul mio profilo FB che parlano di luoghi visti nell’ultimo anno, sono fatte con la Nikon D7100.
E’ nata nel 2013 ed è la macchina adatta per chi ama viaggiare, sia per la resistenza – anche alle intemperie – del suo corpo macchina, sia per la sua ergonomia.
Le immagini sono nitide in ogni dettaglio, dal paesaggio al macro. L’immagine che vedete sopra l’ho realizzata con un obiettivo AF-S DX Nikkor  18-140 f3.5-5.6 (se non capite tutti questi numeri e sigle, ve li spiegherò presto nei prossimi post. Per ora vi dico solo, in parole semplici, che 18-140 sono i millimetri di partenza ed estensione massima dell’obiettivo. Questi vi aiutano a distinguere un obiettivo normale da un tele, un grandangolo o un macro).

Il sistema di messa a fuoco (AF) è di livello professionale, poichè sfrutta lo stesso algoritmo della D4 (una reflex di livello mooolto più alto!): vengono utilizzati 51 punti AF con 15 sensori a croce nell’area centrale. I punti AF, sempre spiegato in breve, son punti di messa a fuoco posizionati sull’area dell’immagine grazie ai quale la fotocamera, utilizzando diverse tecniche, cerca di posizionare il piano di messa a fuoco. Quindi più ce ne sono, più la fotocamera vi permette una perfetta messa a fuoco dell’immagine.

Nikon d7100, sample 2 LP

Il corpo macchina pesa appena 675 gr, e presenta una notevole resistenza a urti, umidità e intemperie: addirittura l’otturatore è stato testato in condizioni difficili per oltre 150.000 cicli. Offre anche la pulizia automatica del sensore d’immagine, che si attiva in automatico quando viene accesa o spenta.
Permette filmati in Full-HD, offre la funzione D-Lightining e HDR (High Dinamic Range) per avere la massima nitidezza in scene ad alto contrasto e, grazie alla sensibilità ISO estendibile fino a 25.600, si ottengono ottimi risultati anche in situazioni di scarsa luminosità (e senza utilizzare il flash).

Nikon D7100 sample 3 LP

Tutto questo, unito al Wireless (opzionale) per la condivisione real time sui social media grazie ad uno smart device Apple o Android, e alla possibilità di Effetti Speciali (Selezione colore, Miniatura, High e Low Key, Silhouette, Bozzetto a colori e Visione notturna) applicabili mentre si scatta in Live View, l’hanno resa la mia preferita durante la scelta d’acquisto e più la utilizzo più sono convinta della scelta fatta.

E voi quale utilizzate?