Negli ultimi giorni le notizie che riguardano il Gargano non sono positive. Riguardano una tragedia, un’alluvione che ha flagellato una delle zone più belle di Italia.
Zona di cui vi ho già parlato tanto, cercando di farlo con l’amore che la Puglia suscita in me.
Per questo voglio parlarne ancora. Per ricordare quanto sia bella, soprattutto quella zona del Gargano che ora ha bisogno di aiuto.
Perchè il Gargano non esiste solo quando c’è il sole o è tempo di mare. 

Ed oggi voglio parlarvi proprio di una di quelle cose che esistono tutto l’anno. Belle da vedere in ogni stagione: la Foresta Umbra.

La foresta umbra with me

Chiarisco subito un dubbio: non c’entra nulla con l’Umbria!
Il nome “Umbra” deriva dal fatto che il folto manto vegetativo copre ogni tratto di tutti i 10426 ettari di foresta (a 794 metri s.l.m), lasciandola perennemente ombreggiata.
Una foresta che raccoglie esemplari naturalistici tra i più belli del meridione. Proprio questa ha fatto meritare al Gargano il nome di “Giardino Botanico del Sud.”
La Riserva Naturale della Foresta Umbra si divide in quattro zone, dalla zona A, il cuore della Foresta inaccessibile al pubblico, alla zona D, quello meno naturale, dove sono dislocati i paesi della Foresta (i Comuni di Vico del Gargano, Peschici, Vieste, Carpino e Monte Sant’Angelo).

10151337_10203582686709152_5365466035236579266_n

Nella Foresta Umbra si nasconde anche il Leccio di Vico del Gargano, un albero che ha più di 300 anni, alto 50 metri, con una chioma di oltre 5 metri. Una vera opera d’arte di Madre Natura, che merita di essere conservata per altrettanti secoli e oltre.
Ancora più antico è lo Zeppino dello Scorzone, tra Peschici e San Menaio, un pino di Aleppo di oltre 700 anni.
Maestri di vita. 

girando per la foresta vi capiterà di vedere gli animali correre tra gli alberi o camminare sul bordo della strada: maiali, mucche, pecore, capre, cinghiali, scoiattoli… Ricordatevi che quella è la loro casa. Gli ospiti siete voi, comportatevi come tali.
Noi ci siamo dovuti fermare per far passare un gruppo di capre, con i loro tempi. Hanno la precedenza!

Un’altra meraviglia naturale qui è il Laghetto di Cutino d’Umbra. Un’oasi di pace, che avrà colori diversi ogni volta che la guarderete. Colori che cambiano a seconda del tempo e della stagione.
In estate lo troverete brulicante di girini!

Lago di Cutino d'Umbra nella Foresta Umbra

Camminare nella Foresta Umbra è un vero e proprio bagno nella natura, è ritrovare il contatto con ciò che si è perso, è sentirsi più umili rispetto a qualcosa di più grande di noi.
Qualcosa che dobbiamo preservare, perchè una volta perso non torna indietro.
Come il Gargano.