Diffondere la cultura attraverso la tecnologia.
Questo è il messaggio primario delle Invasioni Digitali, e quello che mi ha entusiasmato tanto: liberare la cultura, farla diventare virale e accessibile a tutti grazie ai Social Media.
Sappiamo che ormai i social e il web sono il mezzo più veloce di diffusione, l’unico mezzo che può attraversare il mondo in tempo reale.
Tutto questo unito al turismo diventa una bomba atomica: andare alla scoperta dei luoghi meno conosciuti della nostra città e della nostra regione, condividendoli col mondo.
Quest’anno infatti le Invasioni Digitali sono state anche Digital Invasions: una missione nel mondo!

logo Invasioni Digitali

Lo scorso anno ero riuscita anche ad organizzarne una tutta mia alla scoperta del Rione Ponte di Roma. Stavolta invece ho deciso di seguire Simonetta – fantastica guida – al Parco degli Acquedotti, un parco che credevo di conoscere e invece… mi si è aperto un mondo!
Ho scoperto una zona a me completamente sconosciuta ed incredibilmente bella… tanta, tanta bellezza naturale nel cuore della mia città.
Questo è il bello di Roma: ha un mondo dentro.

Invasioni Digitali al Parco degli Acquedotti

Il Parco degli Acquedotti fa parte del Parco Regionale dell’Appia Antica che si estende da Roma a Marino.
Il nome deriva dalla scoperta di sette acquedotti che passavano per questi campi, sei dei quali di epoca romana.
Per questo parco passavano la Via Appia e la Via Latina, che all’epoca dei romani rappresentavano le due vie di collegamento più importanti tra Roma e il Sud Italia.
In tutto il parco ci sono segni di tutta la storia di Roma, dalla preistoria ai giorni nostri.
Qui si accamparono anche i barbari che assediarono Roma nel 537, qui fu costruito l’acquedotto Felice, il più moderno dei sette, che nel 1500 riportò l’acqua a Roma dopo mille anni.
Qui venne costruito nel 1122 il Fosso dell’Acqua Mariana, quello dal quale deriva il nome marana usato oggi da tutti; qui si trova un vecchio casale che era in realtà la Stazione di Roma Vecchia, inaugurata nel 1856, che univa Roma a Velletri.

Invasioni Digitali, parco degli acquedotti Appia
Non solo storia, anche tanta natura.
Si può passeggiare tra collinette, su cui furono costruite tante ville, e campi di fiori gialli di campagna, margherite e papaveri, si può ammirare un laghetto con la sua piccola cascata e il fiumiciattolo a cui danno vita, dall’acqua fresca e pulita.


Invasioni Digitali, le cascate del parco degli acquedottiTanti film sono stati girati qui, da Totò alla Grande Bellezza.
Un Parco che racconta tanto della città in cui è nato, che ha visto la storia dell’uomo e dell’Italia, dalla frecce dei Barbari alle bombe degli americani.
Una vera, piacevole, grande scoperta.