Oktoberfest: cosa aspettarsi dal più famoso Festival della Birra

Come funziona ed è organizzato l’Oktoberfest, la festa della birra più grande ed importante d’Europa?
C’è la birra.
Ci sono le tedesche.
Stop.

Facce da Oktoberfest

Parliamoci chiaro, questi sono i due motivi che attirano il 90% delle persone che ci vanno (c’è un perchè in fondo se l’anno scorso sul pullman ero l’unica femmina…), l’altro 10% sono lì per raccontare la festa (giornalisti, reporter, travel blogger), curiosi o turisti che si sono persi e ritrovati per caso a Monaco in quei giorni. La faccia di mio cugino nella foto dice tutto, no?

Se siete maschi single o gruppi di amici, è esattamente quello che fa per voi, vi divertirete da morire… Forse anche se siete femmine single, dipende dai gusti. Se siete coppie sole però potete tranquillamente lasciar stare. O meglio… magari fate amicizia e vi divertite lo stesso, e la birra in questo aiuta, ma… Beh, diciamo che dipende dalle aspettative che uno ha.
Ma andiamo con ordine.

Noi siamo arrivati col pullman alle 7.30 di mattina. I pullman, tutti i pullman, vi lasceranno a circa venti minuti a piedi dal Theresienwiese, l’area in cui si svolge la festa, che ha inizio però verso le 9, orario in cui aprono tutti i Festzelte (stand). Non preoccupatevi però, l’ora e mezzo di attesa la passerete in fila. Anche alle otto troverete già metri e metri di fila, persone in attesa che la più grande fiera del mondo apra le porte.

Buongiorno all'Oktoberfest

Questo è semplice: scegliete la vostra marca di birra preferita, cercate il suo stand e vi mettete in fila là fuori in attesa che apra. Potete scegliere tra: Paulaner, Spaten, Hofbräu, Hacker-Pschorr, Augustiner e Löwenbräu. Ci sono 14 stand, ognuno dei quali può ospitare tra le 5mila e le 10mila persone. Tutt’intorno ci sono giochi, bancarelle, negozi di souvenir, banchetti che vendono dolci e stand di fast food.

Se l’intenzione è quella di bere tanto, bisogna portarsi dietro tanti, tanti soldi. I boccali di birra negli stand si vendono solo da 1 litro e sfiorano il costo di 10 euro. E vendono solo quella. E farete colazione con quella.

Colazione all'Oktoberfest

Le giornate all’Oktoberfest passano dentro gli stand a bere, mangiare, rimorchiare e ascoltare musica tedesca tipica della festa, suonata da complessi vestiti coi tipici abiti bavaresi. Anche le tedesche girano vestite da bavaresi… e devo dire che sono veramente carine!
E’ ciò che ci si aspetta, si, ma non solo: è LA festa. Milioni di persone che festeggiano insieme come fossero amici da sempre, al di là di razza, età, lingua, idee politiche, religione. Divertimento e spensieratezza, una cura che tutti, almeno una volta l’anno, dovrebbero fare.

Qualche consiglio che posso darvi: se il cielo minaccia pioggia, cercate di restare seduti al vostro posto nello stand. Se inizia a piovere gli stand chiudono e non fanno entrare nessuno, solo chi è già dentro resta al caldo e all’asciutto.
Non aspettatevi di avere un tavolo tutto vostro. La gente è tanta, le tavolate sono lunghe e chi prima arriva meglio alloggia. Dovrete attendere che si liberi qualche posto per prendere il vostro, accanto a persone che non conoscete. Se nell’attesa volete bere, un trucco è far sedere uno solo del vostro gruppo al primo posto che si libera e far ordinare a lui le birre per tutti. Perchè se siete in piedi i camerieri non vi servono.
Cercate di assaggiare bretzel e arrosto di maiale in salsa cacciatora (Schweinebraten mit Knoedel und Jaegersosse), le cose più tipiche della festa oltre la birra!

Pranzo all'Oktoberfest

La Hofbräuhaus merita un discorso a parte. Per me, una volta entrati in uno degli stand la mattina, l’area del Theriesienweise può anche esser lasciata da parte per correre qui, nel centro di Monaco, nella più famosa e antica birreria della città. Come in tutto il resto della città, anche qua troverete il pieno di gente, ma meno rispetto agli stand, non essendo al centro della festa. Questo è il primo lato positivo, mentre il secondo sono i prezzi: più bassi rispetto a quelli degli stand, di anche 4-5 euro. Il che permette di bere e mangiare di più, e non è mica male.
Eppure qui ho sentito la vera festa. Si mangia e si beve tutti insieme, si canta e si balla al ritmo di Ein prosit, ein prosit quando non suona la banda. Gomito a gomito con sconosciuti che diventano i tuoi migliori amici, anche se parlano una lingua di cui non conosci nemmeno una parola (anche se è difficile, noi abbiamo incontrato praticamente solo italiani)… diventa come una festa tra amici alla trattoria sotto casa.
Che altro devo aggiungere?

Oktoberfest e... me!

 

4 comments

  1. Ciao ragazzi! innanzitutto complimenti per il blog..e poi..volete proprio farmi rosicare!! Anche quest’anno non sono riuscita ad andare a Monaco, ma non demordo per il prossimo anno 😀

    1. We were disappointed by that, we had to stay outside under the rain a couple of hours. It’s not the best way to spend a one-day trip to Oktoberfest. Fortunately, it only rained in evening!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close
Viaggi dei Mesupi ©Copyright 2014-2022. All rights reserved.
Close

Enjoy this blog? Please spread the word :)