Le cose improvvisate sono sempre le migliori, l’ho sempre pensato, ogni giorno ne ho la conferma e durante il blog tour nel Gargano in Giugno, ne ho avuto un’ulteriore prova. Passeggiavamo per Vieste, quando Michele, la nostra guida-autista-accompagnatore, ha deciso d’improvviso che ci avrebbe portato a mangiare in un posto che conosceva bene. Lo seguiamo per i vicoli del centro storico, e dopo un po’ ci ritroviamo di fronte una vista talmente bella da togliere il fiato.
Proprio lì, un piccolo locale: Il Ristorante Piazzetta Petrone.

1004034_10201349554522243_127548753_n
Michele disse la frase magica: “Ecco il nostro ristorante.”
Spalancammo gli occhi come dei bambini davanti al giocattolo preferito, e i venti minuti successivi li passammo a scattare foto da ogni angolo possibile e immaginabile.

1013889_10201349557522318_1123604967_n
Scegliemmo il tavolo esterno, per poter mangiare davanti a quella meravigliosa vista che dava sull’infinito. Quando arrivarono i menù, scoprimmo anche il nome del ristorante: Piazzetta Petrone, che prende il nome dalla piazza in cui si trova. Ordinammo una bruschetta come antipasto, un primo diverso per ognuno (o quasi), e torta con ricotta e amaretti, specialità della casa, come dolce.

971456_10201349558402340_1581902796_n
Ogni piatto era ottimo, fatto con ingredienti freschi e, soprattutto, locali… e lo si sentiva ad ogni morso. In particolare mi ha colpito l’olio con cui era condita la bruschetta, e la freschezza del dolce fatto in casa.

969950_10201349558842351_132541486_n

Ho trovato tutto perfetto, anche il servizio, rapido ed efficiente. Anche i camerieri erano simpatici, pronti a scambiare due chiacchiere, pieni di sorrisi. Cose che fanno bene, anche con una vista come quella che c’è qui, che distrae da ogni altro pensiero.

Qualche giorno fa però, ho consigliato ad un amico che andava a Vieste di venire a mangiare qui, e lui a cena ha trovato il servizio estremamente lento, quasi due ore di attesa, e il posto troppo affollato. Non so, magari dipende dal periodo, dall’orario…mi sembra giusto comunque raccontare anche un’esperienza diversa da quella che ho avuto io.
Sulla vista meravigliosa però concordiamo tutti, ed è quasi un obbligo passarci se si è a Vieste!