Forse estremo è un po’ esagerato, ma di certo trovarsi sotto il getto delle Cascate delle Marmore è qualcosa di molto più avventuroso di una semplice cena a lume di candela. Romantico perchè è il Balcone degli Innamorati, romantico perchè romantica è la sua storia: si racconta che il getto d’acqua che forma la Cascata principale, avrebbe la forma di un velo da sposa, creato da San Valentino in persona (patrono di Terni, la provincia delle Cascate, e primo vescovo della città) per provare la purezza della bella Nerina, messa in dubbio dal suo compagno e futuro sposo. 
 
il Balcone degli Innamorati - Cascate delle Marmore
 
Trovarsi lì sotto è emozionante, quasi adrenalinico. Per arrivarci bisogna percorrere per circa 20 minuti il sentiero n. 1, arrivare all’omonimo Tunnel degli Innamorati, un tunnel basso (noi quasi toccavamo il soffitto con la testa!) dalle pareti umide di acqua, dove già inizia a sentirsi lo scroscio potente del fiume in caduta libera a pochi passi di distanza. Un cancelletto grigio ne segna l’inizio, il tunnel è buio, ma le sue pareti sono particolari, da ammirare passo dopo passo. Scavate dall’acqua che le bagna da secoli, creando quelle che mi piace definire opere d’arte astratte. Il fatto che siano fatte dalla natura stessa poi, le rende ancora più belle.
 
Finito il tunnel, ecco che il balcone appare lì davanti, scavato nel travertino, sotto il primo salto della Cascata, e basta allungare la mano per toccare le acque del fiume Velino
 
il Balcone degli Innamorati
 
In realtà non c’è nemmeno bisogno di allungare la mano, perchè già il soffitto del tunnel “perde” acqua, e il balcone si trova proprio sotto il getto. 
Una foto proprio sul balcone è roba per innamorati dal cuore forte, ma come rinunciarci una volta che si è là? Noi ci siamo lanciati così come stavamo, senza impermeabili, con solo una giacca leggera, e la nostra infinita voglia di emozioni ed avventura. In fondo, anche quello per l’avventura è amore, no?