Il mio Natale a Roma, un Natale romano de Roma… (preso da un blog e adattato a casa mia)

Natale… è tempo de festa, so tutti contenti, tutti se sentono più boni.
La gioia der Natale, pe’ me (ma pure l’incubo) so i parenti: zii, cugini, nipoti, prozii, pronipoti, i zii dello zio, i cugini dei nipoti, l’amico del cugino della zia che quanno passa sotto casa e vede tutta sta gente, pensa che regaleno quarcosa e se unisce pure lui. So 26 anni che a ogni Natale vedo quarche persona nuova che me spacciano pe’ parente, manco loro sanno chi è, ma non vonno fa brutta figura.
Ma i peggio so i parenti che dentro casa già ce stanno.

Se parte er 24, appena me sveglio mi madre parte co la tiritera: vado in cucina, manco me siedo pe fa colazione e lei me fa “ricordate che è vigilia, prima de stasera solo pasta ‘n bianco, che c’è er cenone…” me la guardo co la voja de cuscino in faccia: “Sto a fa colazione, posso magnà i biscotti o devo ‘nzuppà i rigatoni nel latte?”
Insomma, a casa arriva st’esercito d’affamati, perché è da ottobre che stanno a frutta e insalata per ripijasse dall’estate (che poi, l’estate uno sta a dieta pe mettesse er costume, e a settembre ricomincia la dieta pe ripijasse dalla dieta? Boh…) e pe preparasse ar cenone. Mi zia quando vengono parenti nuovi (o quelli che a ogni natale se spacciano pe parenti, ma vengono solo pe vedè se regalano quarcosa a casa nostra) c’ha pure er coraggio de dì che magnamo poco… Roba che l’anno scorso invece de annà al supermercato semo andati a comprà 115 ettari de mediterraneo e 46 de mar tirreno pe’ rimedia er pesce pe la cena. Ad un certo punto dalla pentola so usciti Flounders e Sebastian tutti ‘ncazzati, tutti ‘nfarinati. L’aricciaspiccia è la forchetta che se so fregati come pegno da casa nostra, che ve credete? Je pareva c’avesse valore…
E c’è gente che pe riuscì a magnasse tutto se inventa le peggio cose. Dopo l’antipasto, e sto a parlà già de un pranzo completo: cocktail de scampi (pe questo hanno provato a coce Sebastian, ma quello se n’è accorto), verdure fritte, verdure grigliate, verdure lesse (secondo me so l’alghe der mediterraneo che non sanno ‘ndo mettese, e ce le spacciano pe verdure vere… se pensano de nascondele co l’impanatura!), carciofi, mini tramezzini… Dicevo, dopo l’antipasto, se slacciano la cintura, cominciano a magnà in piedi così scenne mejo… Il massimo l’ha fatto mi zio, che l’anno scorso è venuto in camicia da notte, che nun comprime!

 

Natale a Roma - tavola
 
 
Ma la parte migliore (o peggiore?) deve ancora venì.Er 25. La notte prima sò tesa, agitata…I preparativi cominciano er giorno dopo il 2 novembre. L’intera famija se riunisce pe comincià a decide, a trovà la risposta alla domanda fatidica “Che famo a Natale?” ce se pensa, se tirano fuori libri, ore e ore a guardà il Gambero rosso, alice, Gordon Ramsay… e poi so 26 anni che ogni natale me ricordo sempre lo stesso menù. Giusto qualche anno fa, mi nonna pe dà ‘na botta de adrenalina ha aggiunto il pandoro ripieno de crema e panna, fatto da lei. Ma da quell’anno ce lo ripresentano tutti l’anni (bono eh, pure io chiedo de fallo tutti l’anni, ma me domando perché mi madre passa giornate intere a studiasse  gambero rosso, manco quando preparavo l’esami all’università studiavo così)… quindi me chiedo a che servono ste riunioni familiari tre mesi prima… pe fa colore, dicono…
Fanno la spesa du’ settimane prima, che non sia mai se scordamo qualcosa poi famo in tempo ad andarla a prende, e il 24 amattina te sveji e vedi tutte le donne de casa agitate, co l’ansia da prestazione, se sventolano, fanno avanti e indietro pe’ la cucina… Se poco poco provo a entrà, me furminano co’ lo sguardo, resto impietrita, spaventata “Che voi?” “Devo fa colazione…” “NO. Non t’azzardà!” E meno male che è Natale, pure la colazione me levano…

Poi c’hanno la faccia preoccupata, tesa, tutto er giorno. E tu te preoccupi, te chiedi che è successo, se non je so piaciuti i regali, ce stai male a vedelle così, domandi “ma che è successo?” “Niente, non te preoccupà…” “lo vojo sapè. Sei de famija, lo devo sapè…” te guardano co la faccia disperata, le lacrime all’occhi “E’ finita la verdura…”  C’avemo altri 8 mila ettari de Mediterraneo da svotà pe le verdure, e fate preoccupà così la gente??
La ciliegina sulla torta so I LAVORETTI DE NATALE. Tutti l’anni da dopo ferragosto cominciamo a parlanne, a comprà “Capacissima”, Sveltissima, “Il natale in casa mia” e tutta roba simile, dove poi vedi sempre le stesse cose, ma je cambiano i nomi al lavoretto e fa n’antro effetto. Se ingegnano, ce pensano, pomeriggi attorno ar tavolo a lavoro cor das, i veletti, e tutto quello che rimediano pe casa, tocca sta pure attenti che se poco poco passi de là senza avvertì te ritrovi sopra ar tavolo co na candelina rossa in testa e er nome inciso sulla fronte.
Dopo pomeriggi passati a preparalli, vogliono giustamente un minimo de soddisfazione. Iniziano ad apparecchia la tavola dopo pranzo pe’ la sera, le candele le accendono quanno arriva er primo parente, e le vedi lì che come aprono la porta se li guardano, je indicano er tavolo co l’occhi pe faje notà l’apparecchiatura e i lavoretti… che se non li guardi mica ce entri dentro casa… o niente pandoro co la crema e te tieni er menù de cinqu’anni prima.

Dicevo che da 26 anni er menù del 25 è sempre uguale… ma non solo quello. Sarà che a casa mia la tradizione è tradizione, ma se ostineno ancora a mette du tavoli separati: uno pe i grandi e l’altro pe i piccoli. Er problema è che i piccoli non so più piccoli da diec’anni… Er più piccolo ar tavolo adesso c’ha 20 anni… ma il lato positivo ce sta: te fa sentì sempre giovane sta cosa. Du’ anni fa c’hanno dato i coltelli e là un po’ vecchia me so sentita, ma poi m’hanno detto che è solo un segno de maturità, che se so sentiti pronti a dacce sta responsabilità dei coltelli pure a noi…

Finisce pure er pranzo, se sparecchia, se conta chi è rimasto ancora in piedi, e se ce ne stanno almeno 4 ancora vivi, se gira la tovaglia, se mette er mollettone verde, e se comincia a giocà. A che se gioca? A Tombola! Avemo raccolto le bucce dei mandarini de quattro mesi pe potè tappa i numeri e giocà, figurate se non se tirano fori du cartelle…
All’inizio so tutti concentrati, tutti in silenzio, i numeri li deve dì sempre quer mi zio che vole creà suspence e pe lancià un numero ce mette un quarto d’ora: infila la mano piano piano nel sacchetto, smucina i numeri, te fa sentì bene er rumore e te guarda co l’occhietto arzillo, co l’aria de sfida… che se pure non c’hai l’ansia te viene, te domandi che te succede se non esce un numero tuo. Ma la parte migliore è mi nonna. Sta zitta tutto er tempo, l’occhi fissi sulle cartelle sue,  non fiata, è concentrata, arza l’occhi verso il tabellone solo quando sente dì “cinquina”, quer dito co cui batte sempre sul tavolo poggiato vicino alle bucce dei mandarini, che io me chiedo come fa a coprì i numeri che non la vedo mai movese, c’avrà la telepatia coi mandarini…  Poi quando copre tutti i numeri, non la senti urlà “tombola”, arza l’occhi, guarda il tabellone, guarda mi zio che c’ha ancora l’occhietto che sbrilluccica, e allunga la mano appena pe batte quer dito  vicino ar tabellone, nun chiede niente, devi capì da quer dito che ha fatto tombola e je devi dà i sordi… E vince sempre, la chiamano “Er terminator della Tombola”, “er dito che non perdona”.

Giocando se fa ora de cena… pure se la divisione cena-pranzo-cena, a Natale nun esiste. Te siedi ar tavolo er 24 apranzo co la pasta in bianco e te riarzi er 26 a cena coi tortellini in brodo, tanto pe mantenesse leggeri. Se magna pure quando se gioca a carte, senti ogni tanto quarcuno strillà “Chi vole na fetta de pandoro?” “Chi vole un pezzo de torrone?” e ce stanno ancora scommesse in atto, da decenni, su chi sarà er primo a risponne de no… ma n’è mai successo ancora.

Arriva er 26, i tortellini in brodo e l’ora dei saluti. Le famije normali se salutano dicendose che se vedono poco e tocca organizzà, la mia no, nella mia tocca organizzà pe nun vedesse.